5 errori da evitare quando si arreda un bar

Arredare un bar non è affatto facile come può sembrare.

Le scelte che si compiono in fase di progettazione o di resyling di un locale hanno un impatto enorme sul futuro dell’attività. Un arredo mal studiato non solo ti costringerà ad affrontare una serie di problemi logistici e funzionali in futuro, ma potrebbe avere un impatto negativo sulla percezione che i clienti avranno del tuo locale.

Ecco alcuni degli errori più comuni che si compiono nella progettazione dell’arredamento di un bar… e qualche consiglio su come evitarli!

 

Non avere chiaro lo stile del bar

Identificare lo stile del locale è il primo passo da fare per scegliere il giusto arredo bar! Per capire lo stile che fa per te, cerca di capire il pubblico a cui ti rivolgi e l’atmosfera che vuoi dare al tuo locale.

Vuoi creare un locale classico o dargli un tocco più moderno? Oppure vuoi distinguerti con un arredo più vintage? Queste scelte sono fondamentali per determinare il carattere unico che avrà il tuo bar!

Un consiglio: non farti influenzare troppo dalle mode del momento. L’arredo del bar deve rispecchiare la personalità di chi ci lavora. Se hai preferenze in fatto di colori, o una passione particolare che vorresti esprimere con le decorazioni, è il momento di tirarla fuori. In questo modo, tutti gli elementi dell’arredo collaboreranno per dare al tuo bar una personalità originale, riconoscibile e indimenticabile.

 

Per il bar “Lo Spuntino” abbiamo scelto (insieme ai gestori) uno stile molto preciso: moderno, un po’ industrial e molto rock!

 

 

Banco (e retrobanco) non funzionale

Il banco bar è l’elemento più importante di tutto l’arredo del locale, sia perché è l’elemento più visibile e di spicco per i clienti, sia perché è il fulcro delle attività di preparazione e di servizio.

La scelta del banco deve quindi essere fatta seguendo criteri sia estetici che funzionali.

I materiali che compongono il banco dovranno essere piacevoli alla vista, facili da pulire e soprattutto resistenti: il banco deve infatti resistere a macchie, sfregamenti, abrasioni ed alte temperature. Fondamentale è anche la possibilità di pulire velocemente il piano mescita e i piani di lavoro; un banco sporco salta subito all’occhio del cliente, dando un’impressione di scarsa igiene e trascuratezza.

Importantissima è anche la scelta e la disposizione delle attrezzature. Zona macchina del caffè, reparto spinaggio, lavello, celle frigoriferi, lavabicchieri e vetrine refrigerate devono essere di una dimensione adeguata e collocati in modo efficiente, per garantire velocità ed efficienza nel servizio.

 

Sottovalutare l’illuminazione

L’illuminazione ha un impatto decisivo nel determinare l’atmosfera di un bar e l’impressione che suscita nei clienti.

Una scarsa illuminazione, se studiata ad arte, può andare bene per un locale notturno, per un pub o per un locale dallo stile molto particolare e ricercato. In un bar diurno, generalmente, i clienti si aspettano un ambiente accogliente e luminoso, che trasmette energia e positività: quindi, se l’illuminazione naturale non è sufficiente, sarà necessario integrare con l’illuminazione artificiale.

Le luci possono essere calde, fredde o suffuse, vanno però evitati gli eccessi: luci troppo forti o troppo tenui possono risultare fastidiose.

Un altro fattore importante è la scelta dei punti luce, che attirano l’attenzione negli spazi focali del locale e suddividono l’ambiente creando gerarchie visive. Cosa non trascurare assolutamente con i punti luce? Ovviamente, il cuore del locale: il bancone bar.

 

Sbagliare la disposizione dei tavoli e delle sedie

La disposizione dei tavoli è un aspetto decisivo dell’arredo di un bar, specialmente quando il bar è piccolo e lo spazio è limitato.

La tipologia di tavoli e di sedute dipende molto dalle caratteristiche del bar e dei suoi clienti. In un bar pasticceria, ad esempio, i clienti amano restare seduti e chiacchierare mentre gustano le delizie offerte dal locale: sarà quindi necessario prevedere almeno un’area con tavoli ampi e sedute comode. Al contrario, in una caffetteria o in uno snack bar molti clienti sono di fretta; in questo caso potrebbero essere sufficienti tavoli più piccoli e sgabelli alti da posizionare al bancone o presso un tavolo a muro.

In ogni caso, attenzione a non esagerare con tavoli e sedute: i tuoi clienti amano la privacy, ed essere costretti all’intimità forzata con altri avventori non favorisce le lunghe permanenze. L’attenzione alla disposizione è necessaria anche per non intralciare il personale; costringere i camerieri a fare slalom tra i tavoli rallenta i tempi di servizio e, in generale, abbassa gli standard di qualità.

 

Decorazione scialba

La decorazione del tuo bar è la ciliegina sulla torta, quel pizzico di magia che dà carattere e originalità al tuo locale. Una decorazione unica non richiede necessariamente grandi budget, basta attenzione, gusto e un pizzico di creatività.

Qualche esempio?

Alle pareti, evita di appendere quadri visti e rivisti. Scegli piuttosto arredi murali che spiccano e che raccontano qualcosa di te o del tuo locale.

Anche le lavagnette del menù possono trasformarsi in decorazioni creative. Se te la senti (e se conosci bene il tuo pubblico), osa con un messaggio divertente, o con descrizioni “colorate” di quel che offri: regalare un sorriso ai tuoi clienti è sempre una buona idea per farli tornare.

 

Qui sotto: qualche spunto per la decorazione di bar e locali tratto da Pinterest

 

In conclusione

L’arredamento di un bar è un processo complesso. Le esigenze da considerare sono molte, e spaziano dalla scelte estetiche e di stile a quelle più funzionali, legate ai materiali e alle attrezzature professionali. In Emmegi ci occupiamo da 35 anni di articoli per la ristorazione e siamo in grado di accompagnarti nella scelta dell’arredo ideale per qualsiasi bar: progettiamo insieme a te il locale, guidandoti nella scelta degli elementi di arredo e indirizzandoti nelle selezione delle attrezzature professionali che meglio rispondono alle tue necessità.

Contattaci per un preventivo.

CHIAMA ORA